Post

Visualizzazione dei post da Aprile, 2017

Alitalia: non so, quindi parlo!

Immagine

Alitalia Sì o No

Immagine
Non è edificante ascoltare gli isterici ultimatum - stile Armageddon - di politici e sindacalisti contro chi è intenzionato a votare No al referendum sull’accordo Alitalia. In questa triste querelle manca tutta la parte relativa all’ammissione di colpa, all’ascolto, alla negoziazione, alla comprensione ed alla mitigazione delle istanze. Invece il dibattito precipita verso uno scontro tra tifoserie esacerbate. E non una parola, se non proprio a difesa, almeno di comprensione delle ragioni delle parti più deboli.Per molti versi si è trattato di un voltafaccia: non è sorprendente che il ministro Calenda, il quale dichiarava solo qualche mese fa che le responsabilità della mala gestione non dovevano ricadere sui lavoratori adesso si esprima a favore dell’accordo sostenendo insieme ai suoi colleghi di governo che il referendum ha da passare e dipingendo gli irriducibili del no come viziati ragazzini irresponsabili? Ma di chi sono queste responsabilità? Non risulta che il pia…

No Alitalia: the day after

Immagine
La cosa più difficile sarà leggere i commenti sul NO Alitalia dei soliti esperti universali, senza rispondere d’impulso. Perché al solito, alla fine dei giochi, anche questa volta la patata bollente è toccata al lavoro. In una operazione che invece dichiara tutta l’incapacità atavica dei management, della politica (dare la responsabilità solamente a questi ministri e questo governo sarebbe oltremodo riduttivo) e delle parti sociali, il commissariamento viene ascritto ai dipendenti. E il piano industriale vacuo e incerto, le strategie suicide e le amministrazioni delinquenziali dimenticate. Tanto il capro espiatorio è stato da tempo designato. Sia quindi chiaro: non è un momento di giubilo. Non c’è nulla da festeggiare. Gli Alitaliani ne sono del tutto consapevoli. Ma non ci sarebbe stato nulla da festeggiare comunque.
Per essere precisi, i lavoratori, che nel 2008 sono stati dipinti come mostri privilegiati, responsabili dei fallimenti della compagnia, ovviamente non sono né strapaga…

Alitalia: l'accordo di Pasqua

Immagine